Like & Share


Ogni mattina passo con il pulman davanti a un

cimitero per andare a scuola.

Faccio la croce e prego Dio che tutti i morti riposino

in pace e possano vedere la luce immensa ,

infinita di Dio.

Invece , quando vado al cimitero, passando tra le cappelle e le tombe ;

vedo le foto di quelli che risiedono lì,

posizionate sul marmo bianco.

Leggo i loro nomi.

Leggo le date di nascita e di morte e mi chiedo :

“Come era la loro vita? Hanno amato e sono stati amati?

Quali erano i loro sogni ,

le loro speranze,

i loro desideri?

Hanno sofferto ?

Sono stati buoni o cattivi?”.

Vorrei conoscere le loro vite trascorse su questa terra…

Sarò pazza ,

ma è una curiosità.

Come un bambino che non smette di ripetere :

“PERCHÉ? “.

Così io Bambina curiosa , cerco e ricerco, non trovo …

mi accontento di guardare i loro volti e

domandandomi infinitamente e inutilmente :

“PERCHÉ? !”.

 

Amalia Di Palma

Amalia Di Palma
Poche parole con tanta emozione.
Like & Share

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *