Eccomi qui,
ancora a chiedermi
il perché della pioggia,
che cade sempre in giù.
Questo mondo è letale
per romantici e sognatori;
seppur per poco,sei stata tutto!
non ho mai smesso di tremare
per la tua assenza;

Continuo a sprecare carta,
continuo ad impolverarmi
sotto gli aghi di rame;
così stesso,il cuore,
dagli inferi dello stomaco,
chiede solo di te.
Soffoco!
manco di aria e felicità;

E passa ancora,il giorno,
carezza,secondi,minuti ed ere;
ed io,candela,
che arde,
perché non sa fare altro.

 

Giuseppe Saviano

Autore

Giuseppe Saviano
Giuseppe Saviano
Una visione del mondo particolare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *