Maltempo, gelo e neve sull’Italia: sono gli effetti della terribile perturbazione che da circa 48 ore ha colpito la nostra penisola. Andiamo a scoprire le caratteristiche salienti dell’artefice di cotanta coltre di neve: Burian (o Buran) è un vento forte e gelido di origine asiatica che spira a ovest dei monti Urali, tra la natura sconfinata delle steppe del Kazakistan centrale e la Siberia, che sporadicamente si spinge a latitudini molto più basse fino a lambire l’Italia, come sta accadendo in queste ore. Il termine viene dal russo ‘буран‘ (tempesta) ed ha origine nel ceppo turco ‘burağan’, “vento molto forte” con versioni simili in altre lingue della zona, tutte accomunate dalla radice comune ‘bor’ che significa ‘volgere, trascinare’. Il vento porta con sè bufere di neve durante le quali si verifica spesso il fenomeno del ‘blizzard‘ ovvero i fiocchi caduti vengono risollevati in aria azzerando la visibilità. Gli improvvisi cali di temperatura e le gelate tipiche di questo vento, sono dovuti al fatto che arrivando in Italia da Est, la corrente aggira le Alpi, venendone quindi solo parzialmente mitigata. Nel ‘900 Buran ha colpito l’Italia ad intervalli di quasi 10 anni di distanza, mentre nell’ultimo decennio si ricordano i casi del 2012 e del 2017. Non siamo assolutamente abituati a tali temperature ma soprattutto a tali fenomeni vista l’inesperienza, l’inadeguatezza e l’inefficienza dimostrata e i tanti disagi indotti. A risentirne è sicuramente la viabilità e il traffico dei mezzi pubblici; sono giorni che migliaia di Italiani e non affollano le nostre principali stazioni ferroviarie in attesa del cosiddetto “treno della speranza” che possa finalmente ricondurli alle proprie abitazioni o semplicemente verso i luoghi di lavoro, con tanto di accumuli su accumuli di ritardi e tanta rabbia. A riguardo alcune tra le principali compagnie ferroviarie, tra cui Trenitalia, hanno previsto delle tipologie di rimborso per cercare di arginare il malcontento dei cittadini ed essere più vicino possibile ad essi. Così come sono tante le vetture coinvolte in grandi tamponamenti visto il non rispetto e la mancata educazione nei confronti del cittadino di determinate norme di sicurezza, e l’assenza di determinate tipologie di mezzi di soccorso che, intervenendo subito, potrebbero arrestare almeno in parte le difficoltà del caso. Eppure basterebbe mettere in atto il significato di due termini molto semplici: PREVENZIONE e AZIONE, dove c’è informazione non c’è dubbio di scelta, c’è azione. Una corretta informazione è alla base di qualunque scelta. E le scelte debbono condurre ad azioni consapevoli. Azioni fondamentali per fare prevenzione.

Autore

Mariarca Reale
Mariarca Reale
"Sii sempre il meglio di ciò che sei sempre stata"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *